Prendiamo a prestito il titolo di un celebre film di Federico Fellini per dire del modo che abbiamo scelto, partendo da un’angolazione un pò particolare, per raccontare Ferrara e, attraverso le sue storie, le sue bellezze artistiche e monumentali. Alcune sono donne celebri, come Isabella d’Este di Gonzaga o Lucrezia Borgia, altre meno, ma comunque sempre donne straordinariamente colte, che hanno influito sulle vicende storiche rinascimentali come in nessun altro luogo. Siamo stati scelti attraverso una gara pubblica, gestita dall’Università di Bologna (Facoltà di Fisica), partner del progetto europeo S.L.I.D.E.S. (Smart strategies for sustainable tourism in LIvely cultural DEStinations) Ha contato la modalità che abbiamo proposto per guidare turisti e visitatori nell’epoca COVID-19, prendendoli per mano, aiutandoli ad evitare le zone più affollate (e a rispettare il “distanziamento sociale”), informandoli quando esiste una ragionevole possibilità di essere stati contagiati, raccogliendo dati (grazie a una rete di sensori) sui flussi e le dinamiche degli spostamenti, sempre nel rispetto assoluto della Privacy. Così, mentre altri discutono e organizzano convegni sul futuro del turismo nell’epoca Covid-19, Ferrara ha deciso di partire.

Categories: Diary

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *