Espereal Technologies è tra i partner del progetto, finanziato sul bando URBAN INNOVATIVE ACTIONS.

L’Unione Europea ha assegnato a Torino 4 milioni e 600mila euro che saranno investiti dall’Amministrazione comunale per mettere in campo un programma di interventi sul tema della sicurezza urbana.

TO-Nite prevede la riqualificazione e il recupero di siti degradati e l’attivazione di progetti di innovazione tecnologica e sociale per garantire più elevati livelli di coesione sociale e convivenza civile.

Il progetto vede la partecipazione della Città di Torino come capofila, in partenariato con Fondazione Torino Wireless, SocialFare, Experientia, Engineering, Foro Europeo per la Sicurezza Urbana(EFUS), Espereal Technologies e ANCI.

La Città di Torino è una delle poche città in Europa ad aver vinto per due volte il finanziamento europeo del programma Urban Innovative Actions (UIA).

To-nite si caratterizza per proporre soluzioni e azioni multidisciplinari per comprendere meglio i fenomeni sociali urbani e affrontare i problemi derivanti da una percezione di insicurezza. In particolare, il progetto orienterà la sua azione per sperimentare servizi che si estendano anche alle ore notturne in aree di diversa densità, accessibilità e attrattività.

Principali obiettivi

  • sviluppare un osservatorio permanente, dinamico e reattivo rispetto ai cambiamenti, attraverso strumenti diretti e indiretti di ascolto del cittadino, traendo tutti i vantaggi della trasformazione digitale in atto e sfruttando le opportunità offerte dalle tecnologie per la raccolta, analisi e protezione dell’informazione;
  • promuovere una gestione intersettoriale della sicurezza urbana
  • sostenere la riqualificazione di spazi urbani e lo sviluppo di nuove reti economiche dal basso per produrre servizi concreti volti ad aumentare la sicurezza percepita e la qualità della vita delle comunità. A tal fine saranno stanziati 1 milione di euro per l’attivazione da parte del territorio di progetti di innovazione sociale, e 1.4 per agire sulla riqualificazione delle infrastrutture sociali.
Categories: Report

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *